Dott. Raffaello Riccio | Foot | Shape | Function | Infiltrazioni per l’Artrosi. Quali e quando
1893
post-template-default,single,single-post,postid-1893,single-format-standard,ajax_updown,page_not_loaded,
 

Infiltrazioni per l’Artrosi. Quali e quando

Posted by Raffaello Riccio in cellule staminali, medicina rigenerativa, proloterapia, prp, Uncategorized 01 Feb 2020

Si sente spesso parlare di infiltrazioni per curare i dolori alle articolazioni, soprattutto alle ginocchia, che compaiono col passare degli anni.. e molti tendono a pensare che le infiltrazioni siano un po’ tutte uguali…

In realtà “infiltrazione” vuol dire solo introdurre in articolazione con una iniezione farmaci o sostanze di diverso tipo, con l’obbiettivo di guarire o migliorare una condizione patologica.

Il più spesso il problema riguarda il rivestimento di cartilagine presente in tutte le nostre articolazioni, e che va a deteriorarsi nei casi di Artrosi.

Esistono diversi tipi di infiltrazioni che possiamo utilizzare… Vediamo quindi di capire meglio di quali tipi di iniezioni possiamo disporre per le nostre articolazioni, e quali di queste sono più sicure ed efficaci.

 

Cortisone

Acido ialuronico (viscosupplementazione)

Proloterapia

Ozono

PRP – Plasma ricco di piastrine

Cell mesenchimali/staminali

Purtroppo la maggior parte degli ortopedici considerano solo le prime due opzioni. Voglio invece darvi un’idea di tutte le possibilità possibili di trattamento.

Cortisone

Si tratta di un trattamento tradizionalmente utilizzato nell’artrosi. Il cortisone è un potente anti-infiammatorio in gradi di ridurre l’infiammazione, il gonfiore, il dolore. Si tratta della più comune iniezione utilizzata per curare il dolore nell’artrosi di ginocchio. Il problema è che questo tipo di iniezioni funziona solo per brevi periodi, e che il cortisone tende col tempo a danneggiare la normale cartilagine dell’articolazione. Per questo motivo si tratta di un trattamento che ho sostanzialmente abbandonato, se non in casi del tutto particolari.

Acido Ialuronico

Si tratta di una sostanza gelatinosa che può essere iniettata nelle ginocchia artrosiche, e che simula il liquido articolare presente normalmente in articolazione (liquido sinoviale). Questo svolge di norma un effetto ammortizzante e lubrificante che può essere quindi migliorato da questo tipo di infiltrazioni.

I differenti prodotti commerciali a base di acido ialuronico hanno diversi pesi molecolari, con diverse indicazioni di trattamento. Gli studi scientifici mostrano una discreta efficacia di questi prodotti, che in ogni caso dura mediamente dai 6 ai 12 mesi. Certamente nessuno studio ha dimostrato effetti nocivi sulla cartilagine articolare, anzi per molti studi l’acido ialuronico aiuterebbe a migliorare il quadro artrosico dell’articolazione trattata. 

Proloterapia

Prolo in Proloterapia è abbreviazione di Proliferazione. Ciò significa che l’iniezione di una sostanza chimicamente irritante (il glucosio) può avviare un processo di guarigione. La metodica non è nuova ma ha avuto nuovo impulso negli ultimi 20 anni. Le iniezioni utilizzano generalmente glucosio ipertonico che è più concentrato dei fluidi e delle cellule del nostro corpo.

I lavori scientifici dimostrano che la Proloterapia funziona bene, più o meno come il PRP, e molto meglio del cortisone. Ulteriori aspetti positivi sono rappresentati dal potenziale rigenerativo sulla cartilagine della Proloterapia, e dal fatto che si tratta di una metodica abbastanza economica, circa la metà rispetto al PRP. Recenti lavori scientifici confermano che la Proloterapia è in grado di aiutare la cartilagine delle articolazioni trattate.

PRP (plasma arricchito di piastrine)

Il PRP è costituito da una frazione del nostro sangue particolarmente ricca di alcune cellule chiamate Piastrine. Si ottiene dalla centrifugazione del sangue venoso periferico prelevato dal paziente stesso, che viene quindi iniettato all’interno dell’articolazione sofferente. Le piastrine rilasciano i cosiddetti fattori di crescita, sostanze in grado di ridurre lo stato infiammatorio dell’articolazione e di aiutare a migliorare le condizioni della cartilagine.

Gli Studi scientifici dimostrano l’efficacia del PRP nelle artrosi soprattutto del ginocchio, con efficacia certamente superiore a quella dell’acido ialuronico. Nelle forme di artrosi non troppo gravi il beneficio del PRP può durare anche più di 1 anno, in quelle avanzate l’efficacia risulta di più breve durata. In ogni caso questo tipo di iniezioni ha anche un certo effetto rigenerativo sulle cellle cartilaginee.

Cellule Staminali e Pseudo-staminali

Le iniezioni di cellule staminali sono generalmente eseguite per forme di artrosi più severe.

Esistono sostanzialmente due tecniche per ottenere cellule staminali da iniettare all’interno delle articolazioni sofferenti:

Prelievo dal Midollo osseo: in questa procedura si prelevano con una tecnica mini-invasiva delle cellule dal midollo osseo contenuto nelle ossa del bacino. Queste cellule vengono poi concentrate e quindi iniettate in articolazione.

Prelievo dal tessuto adiposo (grasso): si preleva una piccola quantità di grasso, in genere dalla zona intorno all’ombelico, con una lipo-aspirazione in anestesia locale. Il grasso viene poi rapidamente trattato e quindi iniettato nell’articolazione artrosica.

L’efficacia di questo tipo di iniezioni è confermata dai valori scientifici, soprattutto nelle forme più gravi di artrosi, al contrario della Proloterapia e del PRP che sembrano funzionare meglio nelle forme meno severe. Il limite principale ai trattamenti con cellule staminali sono i costi elevati e la necessità di essere eseguiti in sala operatoria.

Esistono poi altre possibili tecniche di infiltrazione per le articolazioni artrosiche allo stato ancora sperimentali, come il Plasma arricchito di Citochine, ma molto promettenti , delle quali torneremo a parlare quando saranno disponibili studi scientifici più solidi a sostegno.

Un aspetto importante da sottolineare è che, ad eccezione del ginocchio che è un’articolazione molto superficiale, per tutte le iniezioni che riguardano le altre articolazioni è fondamentale una

guida strumentale che consenta di effettuare l’iniezione nel modo più preciso possibile, al fine di ottenere la maggiore efficacia di trattamento. Una infiltrazione eseguita alla cieca sarà quasi certamente non efficace, se non dannosa!

In genere la guida che si utilizza è quella ecografica, non invasiva, economica e quasi sempre disponibile. Talvolta si può utilizzare anche una guida radiologica.

Quindi quale tipo di infiltrazione dobbiamo preferire?

Naturalmente il tipo di terapia infiltrativa più indicata per il tuo problema sarà stabilita dal tuo ortopedico.

In ogni caso come avrai letto per ogni tecnica esistono i pro e i contro. I tre elementi da considerare nella scelta sono: Efficacia, Sicurezza, Costi.

Allo stato sappiamo che le iniezioni di Cortisone, pur efficaci per brevi periodi, tendono a danneggiare la cartilagine articolare.

L’acido ialuronico invece non ha effetti dannosi, migliora la funzionalità articolare ed i sintomi dell’artrosi, ed è quindi una scelta ragionevole.

Il PRP secondo molti studi funziona bene nelle artrosi moderate, ed ha un potenziale rigenerativo. Può essere quindi una buona opzione.

Le iniezioni di cellule staminali (pseudo-staminali) sembrano essere efficaci soprattutto nelle forme gravi di artrosi, e in questi casi possono essere una buona scelta per spostare in avanti il momento dell’intervento chirurgico.

Infine procede velocemente lo sviluppo ed il perfezionamento di nuovi tipi di infiltrazioni per le articolazioni artrosi che, che promettono di essere ancora più efficaci di quelle disponibili oggi, e delle quali tornerò ad aggiornarvi presto.

References:

(1) McAlindon TE, LaValley MP, Harvey WF, et al. Effect of Intra-articular Triamcinolone vs Saline on Knee Cartilage Volume and Pain in Patients With Knee Osteoarthritis: A Randomized Clinical Trial. JAMA.2017;317(19):1967–1975. doi: 10.1001/jama.2017.5283

(2) Rutjes AW, Jüni P, da Costa BR, et al. Viscosupplementation for Osteoarthritis of the Knee: A Systematic Review and Meta-analysis. Ann Intern Med. 2012;157:180–191. doi: 10.7326/0003-4819-157-3-201208070-00473

(3) Strand V, McIntyre LF, Beach WR, Miller LE, Block JE. Safety and efficacy of US-approved viscosupplements for knee osteoarthritis: a systematic review and meta-analysis of randomized, saline-controlled trials. J Pain Res. 2015;8:217–228. Published 2015 May 7. doi:10.2147/JPR.S83076

(4) Altman RD, Dasa V, Takeuchi J. Review of the Mechanism of Action for Supartz FX in Knee Osteoarthritis. Cartilage. 2018;9(1):11–20. doi:10.1177/1947603516684588

(5) (7) Xing D, Wang B, Zhang W, Yang Z, Hou Y1,2, Chen Y, Lin J. Intra-articular platelet-rich plasma injections for knee osteoarthritis: An overview of systematic reviews and risk of bias considerations. Int J Rheum Dis. 2017 Nov;20(11):1612-1630. doi: 10.1111/1756-185X.13233.

(6) Filardo G, Kon E, Buda R, Timoncini A, Di Martino A, Cenacchi A, Fornasari PM, Giannini S, Marcacci M. Platelet-rich plasma intra-articular knee injections for the treatment of degenerative cartilage lesions and osteoarthritis. Knee Surg Sports Traumatol Arthrosc. 2011 Apr;19(4):528-35. doi: 10.1007/s00167-010-1238-6.

(7) Southworth TM, Naveen NB, Tauro TM, Leong NL, Cole BJ. The Use of Platelet-Rich Plasma in Symptomatic Knee Osteoarthritis. J Knee Surg. 2019 Jan;32(1):37-45. doi: 10.1055/s-0038-1675170.

(8) Centeno C, Sheinkop M, Dodson E, et al. A specific protocol of autologous bone marrow concentrate and platelet products versus exercise therapy for symptomatic knee osteoarthritis: a randomized controlled trial with 2 year follow-up. J Transl Med. 2018;16(1):355. Published 2018 Dec 13. doi:10.1186/s12967-018-1736-8

(9) Centeno C, Pitts J, Al-Sayegh H, Freeman M. Efficacy of autologous bone marrow concentrate for knee osteoarthritis with and without adipose graft. Biomed Res Int. 2014;2014:370621. doi:10.1155/2014/370621

(10) Berger D, Lyons N, Steinmetz, N. In Vitro Evaluation of Injectable, Placental Tissue-Derived Products for Interventional Orthopedics. Interventional Orthopedics Foundation Annual Meeting. Denver, 2015. https://interventionalorthopedics.org/wp-content/uploads/2017/08/AmnioProducts-Poster.pdf

(11) Becktell L, Matuska A, Hon S, Delco M, Cole B, Fortier L. Proteomic analysis and cell viability of nine amnion-derived biologics. Orthopedic Research Society Annual Meeting, New Orleans, 2018. https://app.box.com/s/vcx7uw17gupg9ki06i57lno1tbjmzwaf

(12) Panero, A, Hirahara, A., Andersen, W, Rothenberg J, Fierro, F. Are Amniotic Fluid Products Stem Cell Therapies? A Study of Amniotic Fluid Preparations for Mesenchymal Stem Cells With Bone Marrow Comparison. The American Journal of Sports Medicine, 2019 47(5), 1230–1235. https://doi.org/10.1177/0363546519829034

(13) Centeno CJ, Busse D, Kisiday J, Keohan C, Freeman M, Karli D. Increased knee cartilage volume in degenerative joint disease using percutaneously implanted, autologous mesenchymal stem cells. Pain Physician. 2008 May-Jun;11(3):343-53. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18523506

(14) Shapiro SA, Kazmerchak SE, Heckman MG, Zubair AC, O’Connor MI. A Prospective, Single-Blind, Placebo-Controlled Trial of Bone Marrow Aspirate Concentrate for Knee Osteoarthritis. Am J Sports Med. 2017 Jan;45(1):82-90. doi: 10.1177/0363546516662455.

(15) Tremolada C, Colombo V, Ventura C. Adipose Tissue and Mesenchymal Stem Cells: State of the Art and Lipogems® Technology Development. Curr Stem Cell Rep. 2016;2(3):304–312. doi:10.1007/s40778-016-0053-5

(16) USFDA. Federal court issues decision holding that US Stem Cell clinics and owner adulterated and misbranded stem cell products in violation of the law. https://www.fda.gov/news-events/press-announcements/federal-court-issues-decision-holding-us-stem-cell-clinics-and-owner-adulterated-and-misbranded-stem. Last updated 06/04/2019. Accessed 9/19/19.

(17) Hudetz D, Borić I, Rod E, et al. The Effect of Intra-articular Injection of Autologous Microfragmented Fat Tissue on Proteoglycan Synthesis in Patients with Knee Osteoarthritis. Genes (Basel). 2017;8(10):270. Published 2017 Oct 13. doi:10.3390/genes8100270

(18) Mautner K, Bowers R, Easley K, Fausel Z, Robinson R. Functional Outcomes Following Microfragmented Adipose Tissue Versus Bone Marrow Aspirate Concentrate Injections for Symptomatic Knee Osteoarthritis. Stem Cells Transl Med. 2019 Jul 21. doi: 10.1002/sctm.18-0285.

(19) Rehman AA, Ahsan H, Khan FH. α-2-Macroglobulin: a physiological guardian. J Cell Physiol. 2013 Aug;228(8):1665-75. doi: 10.1002/jcp.24266.

(20) Wang S, Wei X, Zhou J, et al. Identification of α2-macroglobulin as a master inhibitor of cartilage-degrading factors that attenuates the progression of posttraumatic osteoarthritis. Arthritis Rheumatol. 2014;66(7):1843–1853. doi:10.1002/art.38576

(21) Akash MS, Rehman K, Chen S. IL-1Ra and its delivery strategies: inserting the association in perspective. Pharm Res. 2013 Nov;30(11):2951-66. doi: 10.1007/s11095-013-1118-0.

(22) Baltzer AW, Moser C, Jansen SA, Krauspe R. Autologous conditioned serum (Orthokine) is an effective treatment for knee osteoarthritis. Osteoarthritis Cartilage. 2009 Feb;17(2):152-60. doi: 10.1016/j.joca.2008.06.014.

(23) H Rashed M, Bayraktar E, K Helal G, et al. Exosomes: From Garbage Bins to Promising Therapeutic Targets. Int J Mol Sci. 2017;18(3):538. Published 2017 Mar 2. doi:10.3390/ijms18030538

(24) Wang Y, Yu D, Liu Z, et al. Exosomes from embryonic mesenchymal stem cells alleviate osteoarthritis through balancing synthesis and degradation of cartilage extracellular matrix. Stem Cell Res Ther. 2017;8(1):189. Published 2017 Aug 14. doi:10.1186/s13287-017-0632-0

(25) Kia C, Baldino J, Bell R, Ramji A, Uyeki C, Mazzocca A. Platelet-Rich Plasma: Review of Current Literature on its Use for Tendon and Ligament Pathology. Curr Rev Musculoskelet Med. 2018;11(4):566–572. doi:10.1007/s12178-018-9515-y

(26) Centeno C, Pitts J, Al-Sayegh H, Freeman M. Efficacy of autologous bone marrow concentrate for knee osteoarthritis with and without adipose graft. Biomed Res Int. 2014;2014:370621. doi:10.1155/2014/370621

(27) Centeno CJ, Al-Sayegh H, Bashir J, Goodyear S, Freeman MD. A dose response analysis of a specific bone marrow concentrate treatment protocol for knee osteoarthritis. BMC Musculoskelet Disord. 2015;16:258. Published 2015 Sep 18. doi:10.1186/s12891-015-0714-z

(28) Wu T, Dong Y, Song Hx, Fu Y, Li JH. Ultrasound-guided versus landmark in knee arthrocentesis: A systematic review. Semin Arthritis Rheum. 2016 Apr;45(5):627-32. doi: 10.1016/j.semarthrit.2015.

(29) Arias-Vázquez PI, Tovilla-Zárate CA, Legorreta-Ramírez BG, Burad Fonz W, Magaña-Ricardez D, González-Castro TB, Juárez-Rojop IE, López-Narváez ML. Prolotherapy for knee osteoarthritis using hypertonic dextrose vs other interventional treatments: systematic review of clinical trials. Adv Rheumatol. 2019 Aug 19;59(1):39. doi: 10.1186/s42358-019-0083-7.

(30) Reeves KD, Sit RW, Rabago DP. Dextrose Prolotherapy: A Narrative Review of Basic Science, Clinical Research, and Best Treatment Recommendations. Phys Med Rehabil Clin N Am. 2016 Nov;27(4):783-823. doi: 10.1016/j.pmr.2016.06.001.

(31) Lopes de Jesus CC, Dos Santos FC, de Jesus LMOB, Monteiro I, Sant’Ana MSSC, Trevisani VFM. Comparison between intra-articular ozone and placebo in the treatment of knee osteoarthritis: A randomized, double-blinded, placebo-controlled study. PLoS One. 2017;12(7):e0179185. Published 2017 Jul 24. doi:10.1371/journal.pone.0179185

(32) Farr J1, Gomoll AH, Yanke AB, Strauss EJ, Mowry KC; ASA Study Group. A Randomized Controlled Single-Blind Study Demonstrating Superiority of Amniotic Suspension Allograft Injection Over Hyaluronic Acid and Saline Control for Modification of Knee Osteoarthritis Symptoms. J Knee Surg. 2019 Sep 18. doi: 10.1055/s-0039-1696672.

(33) Marino-Martínez IA, Martínez-Castro AG, Peña-Martínez VM, et al. Human amniotic membrane intra-articular injection prevents cartilage damage in an osteoarthritis model. Exp Ther Med. 2019;17(1):11–16. doi:10.3892/etm.2018.6924

(33) Raines AL, Shih MS, Chua L, Su CW, Tseng SC, O’Connell J. Efficacy of Particulate Amniotic Membrane and Umbilical Cord Tissues in Attenuating Cartilage Destruction in an Osteoarthritis Model. Tissue Eng Part A. 2017 Jan;23(1-2):12-19. doi: 10.1089/ten.TEA.2016.0088.

(34) Shen L, Yuan T, Chen S, Xie X, Zhang C. The temporal effect of platelet-rich plasma on pain and physical function in the treatment of knee osteoarthritis: systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. J Orthop Surg Res. 2017;12(1):16. Published 2017 Jan 23. doi:10.1186/s13018-017-0521-3

Sorry, the comment form is closed at this time.

Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie. + Informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close